Skip to content

Risarcimento Frattura Bacino Incidente

Risarcimento Frattura Bacino Incidente: Cosa Bisogna Sapere e Come Bisogna Agire

Risarcimento Frattura Bacino Incidente
Risarcimento Frattura Bacino Incidente

Indice – Risarcimento Frattura Bacino Incidente: Cosa Fare.

Risarcimento Frattura Bacino Incidente

Quando c’è la Frattura? Anatomia del Bacino

Sei a conoscenza del fatto che una delle lesioni più comuni dopo un incidente stradale è la frattura del bacino?

Dopo un incidente d’auto infatti, si potrebbero aver subito lesioni fisiche con conseguenze permanenti che dipendono dalla gravità dell’incidente.

Nel caso di una frattura al bacino, i sintomi possono essere identificati da un dolore estremo che rende complicato, se non quasi impossibile, camminare.

Nelle situazioni più serie infatti la frattura può essere seguita da sanguinamento interno o da altre complicanze; bisogna dunque fare estrema attenzione e rivolgersi subito a personale medico qualificato per iniziare l’iter di guarigione; se serve anche effettuare un’operazione chirurgica.

Come è ovvio per prima cosa bisogna accertare la frattura; bisognerà dunque effettuare una Tac, una Risonanza o qualsiasi altro esame che identifichi e confermi la presenza della lesione.

 

Qual'è la struttura anatomica del bacino?

Prima di esaminare le possibili compensazioni, è importante avere familiarità con la struttura anatomica del bacino; per capire di che area si sta parlando.

Il bacino si trova alla parte finale del tronco ed è una struttura osteo-articolare; anche denominata cintura pelvica o regione pelvica, si tratta della sezione del corpo che si estende dall’addome alle gambe ed è composta da:

-Il girovita o cintura pelvica;
-la regione pelvica
-il muscolo del pavimento pelvico
-l’area del corpo situata tra l’ano e i genitali.

Un infortunio al bacino durante un incidente stradale provocherà dunque dolore e fastidio nella zona pelvica che si aggrava con il movimento.

Inoltre, il paziente può manifestare i seguenti sintomi e segni:

-dolore nelle aree circostanti il bacino come l’addome;

-impossibilità di camminare;

-sensazione di formicolio e intorpidimento sotto la regione lombare;

-difficoltà con il controllo della vescica;

-sanguinamento fuori dal comune in presenza di lesioni agli organi interni;

Risarcimento Frattura Bacino Incidente: Quanti Punti di Invalidità Sono?

Esaminiamo dunque cosa comporta una frattura al bacino, quando si parla di ottenere un risarcimento; in quali situazioni è ammissibile richiedere il risarcimento per danni fisici e quali misure importanti adottare in caso di incidente che potrebbe comportare una tale lesione fisica.

In caso di frattura al bacino da incidente stradale, poiché in questi casi il danneggiato solitamente riporta una moltitudine di gravi lesioni, tali sinistri vengono definiti politraumi della strada; (ciò può accadere anche con una caduta su una buca ad esempio).

È chiaro: ogni caso viene valutato singolarmente nella sua particolarità; bisogna infatti considerare l’età del danneggiato, l’aspettativa di vita; il precedente stato di salute corporeo.

Ma per dare un’idea esemplificativa possiamo dire che tale lesione è, anche per la legge, una lesione seria ed importante; dunque spesso può venire quantificata in diverse decine di punti di invalidità (qui le tabelle con le invalidità). Ma, si ripete, ogni caso è a sé stante.

Quanto viene pagata una frattura dall'assicurazione? E Quanto vengono pagati i giorni di prognosi in un incidente?

Per capire quanti soldi ti dà l’assicurazione dopo un incidente (attenzione a chiedere sempre il verbale dopo il sinistro), bisogna analizzare i giorni necessari ad una persona per recuperare la propria mobilità; la propria salute e vita precedenti al danno, nel modo più completo e possibile.

Durante la fase iniziale si valuta l’Invalidità Temporanea basandosi sul referto del Pronto Soccorso per determinare i giorni di “invalidità temporanea” necessari per la cura del paziente.

Durante la prima fase dei giorni di malattia, l’invalidità viene valutata in base a una percentuale; durante i giorni successivi, presumibilmente quelli in cui la persona deve rimanere a riposo e immobile, verrà riconosciuta un’invalidità temporanea del 100%; in seguito, con il passare del tempo e il progressivo miglioramento della situazione clinica, la persona vedrà un aumento del proprio benessere e delle attività che può svolgere.

In caso simile potremmo dunque avere una sequenza di giorni con diversi livelli di invalidità: prima al 100%, poi al 75%, poi al 50% e infine al 25%.

Se volessimo fare un calcolo dell’invalidità temporanea, potremmo avere: 10 giorni al 100% di invalidità; 3 giorni al 75%, 5 al 50% e 2 al 25%; naturalmente con la diminuzione della percentuale di invalidità (inversamente proporzionale al miglioramento della salute) diminuisce l’importo del risarcimento dovuto.

Per un giorno di invalidità totale si riceve un risarcimento di circa 50 euro; con la diminuzione della percentuale e dei giorni riconosciuti, diminuisce anche l’importo del risarcimento dovuto.

Solo il personale medico-legale è autorizzato a valutare eventuali danni e invalidità permanente, può dimostrarla scientificamente e determinarla in termini percentuali.

Ad esempio, danni che vanno dal 0% al 9% di invalidità possono essere definiti lesioni micro permanenti, mentre una percentuale sopra il 9% indica lesioni macro permanenti.

Quanto paga l'assicurazione per danni fisici?

Si è dunque visto come sia indispensabile rivolgersi ad un avvocato specializzato in caso di sinistro. Solamente personale qualificato ed esperto può aiutare la vittima a ricevere il pieno risarcimento del danno che gli spetta.

Dunque quando si parla di incidenti stradali bisogna fare estrema attenzione; è fondamentale comprendere le varie dinamiche che possono verificarsi (come in caso di urto laterale anteriore o posteriore).

Indispensabile la scelta di un avvocato nella tutela legale è un altro aspetto da considerare; questa è necessaria per ottenere il corretto risarcimento.

Le recensioni e le testimonianze di altri utenti possono fornire un prezioso aiuto per comprendere meglio i processi legali e le esperienze degli altri.

Anche la competenza del giudice di pace nei sinistri stradali può risultare determinante per il risarcimento dei danni; se inoltre sei vittima di un incidente dove l’altro veicolo è scappato puoi trovare informazioni utili in questa guida; non bisogna mai dimenticare che l’omissione di soccorso stradale è un reato grave, punito dalla legge; (può essere utile anche approfondire il concetto di concorso di colpa).

Si ricorda infine che è possibile richiedere anche il risarcimento per danni morali subiti a seguito di un sinistro (e diritto anche ad un’auto sostitutiva durante il periodo di riparazione; con appositi servizi di auto di cortesia).

    INCIDENTE RISARCITO GRATIS

     Studio di Infortunistica Stradale specializzato in Risarcimento Danni da Incidenti Stradali 

    Via Tuscolana 1334, 00174, Roma

     P.I. 15602341008

    Torna su
    error: Content is protected !!